Il Francese

Titolo: Il Francese

Autore: Massimo Carlotto

Editore: Mondadori

La vicenda è ambientata a Padova con protagonista Antonio Zanchetta detto il Francese, protettore e sfruttatore di un gruppo di escort di alto livello, costose e sofisticate, solo per clienti facoltosi.

Zanchetta gestisce le sue protette con regole molto precise, nessun traffico di droga, tutto deve essere fatto per non creare problemi alla clientela, massima riservatezza. La formula funziona, gli affari vanno bene sia per il Francese che per le sue ragazze, un gruppo ben assortito di professioniste molto apprezzate dai clienti. All’improvviso una delle ragazze, Serena, sparisce. Il Francese si prodiga per trovarla, ma senza risultati. Diventa il principale indagato per il presunto omicidio e viene braccato dal commissario Franca Ardizzone, una donna decisa a tutto pur di vendicare tutte le donne sfruttate dal Francese, cercando a tutti i costi il modo di sbatterlo in galera.

Una storia appassionante, scritta e costruita con bravura, ritmo degli eventi incessante, per protagonista un pappone empatico che scoprirà nei momenti di difficoltà di avere tanti nemici. Il romanzo è anche un modo per descrivere i cambiamenti sociali del territorio, zone ricche ma anche con evidenti problemi sociali, con un numero sempre crescente di persone che non ce la fanno, che sono emarginate per mancanza di mezzi. L’autore riesce ad evidenziare il lato nascosto della società, quello che non può essere mostrato, ma che è ben presente e fa prosperare le molte attività della malavita organizzata disposta ad accontentate i desideri perversi di chi, per divertirsi in modo molto discutibile, è disponibile a spendere tanti soldi. Anche la malavita è cambiata, ci sono bande che arrivano dall’Est Europa, gente spietata, capace di tutto pur di prendere il controllo del territorio. In questo romanzo le donne sono le vere protagoniste, piene di coraggio, combattono le avversità, lottano per conquistare un posto migliore nella vita ed anche se hanno sbagliato trovano la forza di reagire e cercare un destino migliore.